INFORMATIVA SUI COOKIE COOKIE

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro. I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali  dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

tasto news scuola dell'infanzia

tasto primaria new

tasto news secondaria

Amministrazione Trasparente Scuola   albo pretorio   registro elettronico   scarica ebook

Accedi

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

Tag Cloud

testo:

14925282 1343728172340070 1693829035923242732 n

Dopo un’attenta selezione da parte del gruppo degli organizzatori, è stata ammessa al XXX Convegno nazionale “Incontri con la matematica” che si è svolto, dal 4 al 6 novembre, a Castel San Pietro Terme (BO), un’attività progettuale condotta lo scorso anno scolastico con gli alunni della propria classe di scuola primaria (oggi 3^ C), dall’ins. Maria Elena Cazzetta, docente del Secondo Istituto Comprensivo di Francavilla Fontana.

Nel corso di un seminario, alla presenza di oltre 800 docenti di matematica provenienti da tutta l’Italia, l’insegnante Maria Elena Cazzetta, membro del Gruppo di ricerca e sperimentazione in didattica e divulgazione della matematica – RSDDM c/o Dipartimento di Matematica – Università di Bologna e autrice di rubriche di didattica della matematica per la casa editrice Giunti Scuola, ha presentato l’esperienza dal titolo “Passo dopo passo, impariamo a programmare” riguardante attività di approccio al coding, ciò che in italiano si designa con il termine programmazione. Tra gli obiettivi perseguiti, un ruolo prioritario è stato riservato allo sviluppo del pensiero computazionale che, in generale, può essere definito come la capacità di immaginare e descrivere un procedimento costruttivo che porti alla soluzione di un problema. Il pensiero computazionale è per tutti, non è solo per informatici e programmatori, infatti si tratta di una capacità trasversale che va sviluppata il prima possibile e produce “benefici” che si estendono a molteplici aspetti dell’apprendimento. Per svolgere le attività è stato utilizzato Bee-Bot, un piccolo robot da pavimento a forma di ape, in grado di eseguire una serie di azioni programmabili, quali camminare in avanti e indietro, compiere delle rotazioni a destra e a sinistra, fare delle pause, memorizzare una sequenza di comandi che ha consentito ai bambini di capire cosa vuol dire «programmare», di migliorare le competenze logico matematiche, ma anche di migliorare l’orientamento spaziale e di avviarsi allo studio della geometria. La scelta è ricaduta su Bee-Bot perché ritenuto uno strumento utile a supportare la didattica, renderla più accattivante e stimolare maggiormente i bambini, specialmente quelli con maggiori difficoltà o con una scarsa motivazione. La presentazione dell’attività ha riscosso un notevole successo, infatti numerosi docenti hanno preso contatti con la docente Cazzetta, manifestando l’intenzione di voler prendere spunto da essa per lavorare con i propri alunni. Invece, la ditta che si occupa della distribuzione del Bee-Bot ha spontaneamente deciso di premiare la qualità del lavoro presentato, omaggiando la docente Cazzetta con un Blue-Bot, la nuova e più avanzata versione dell’apina, con un occhio di riguardo in più al digitale. L’esperienza vissuta dagli alunni rappresenta la dimostrazione che progettare e programmare con un piccolo robot può consentire agli alunni di confrontarsi con concetti astratti di matematica, fisica, informatica, tecnologia imparando con naturalezza a gestirli, a raccontarli, a documentarli. In definitiva nella scuola possono essere introdotti concetti anche molto “difficili” rispetto all’età anagrafica dei bambini purché vengano veicolati attraverso ambienti di apprendimento, diversi da quelli tradizionali, arricchiti da elementi che sollecitino lo sviluppo di processi, più che l’acquisizione di concetti.

miurusr pugliaamnbito territorialenoipa

Codici iscrizione : Primaria plesso "M.Montessori" BREE83201B - Primaria plesso "Sant'Orsola" BREE83202C - Secondaria plesso "V.Bilotta" BRMM83201A

Secondo Istituto Comprensivo Francavilla Fontana

logo rev1 trasp sitoUffici Plesso Montessori: Tel. +39 0831.841958

Uffici Plesso Bilotta : Tel. +39 0831.841608

 


Codice Fiscale : 91071290745  C.U. : UF3C4U

mail bric832009@istruzione.it P.E.C. bric832009@pec.istruzione.it 

Responsabile Proc. Pubblicazione : Prof.ssa Fumarola Amelia

Credits privacy note Legali

40parallelo logoSito realizzato con la consulenza dell' Associazione Culturale "40° Parallelo" di Latiano (BR) e dal gruppo di insegnanti nominati redazione tecnica del 2° Istituto comprensivo ( Gestori Operativi di Pubblicazione  ed RPP ) di Francavilla Fontana (BR).  Questo è un sito scolastico (Istituto Comprensivo ) no-profit, non viene finanziato da nessuno e non viene aggiornato con periodicità regolare, ma in relazione alla disponibilità della redazione.

 Credits |  Privacy | Note Legali | Accessibilità | Mappa del sito