INFORMATIVA SUI COOKIE COOKIE

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro. I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali  dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

tasto news scuola dell'infanzia

tasto primaria new

tasto news secondaria

Amministrazione Trasparente Scuola  albo pretorio  anac  registro elettronico   scarica ebook G suit

Accedi

Login to your account

Username
Password *
Remember Me

Scuola in Chiaro 2C

Tag Cloud

Articoli

Nell’ambito della linea di ricerca “Strumenti e metodi della didattica laboratoriale” di Indire, il Secondo Istituto Comprensivo si è impegnato a collaborare alla sperimentazione sull’utilizzo delle stampanti 3D nelle attività di tipo laboratoriale, con l’obiettivo di indagare se tale uso favorisca, negli alunni della scuola dell’infanzia e primaria, il potenziamento di competenze espressive e progettuali e di metacompetenze e al fine di elaborare e validare buone pratiche didattiche da proporre su vasta scala. La Scuola utilizzerà le stampanti 3D nell’ambito di percorsi didattici, concordati con Indire e basati sulla stampa di oggetti disegnati dagli alunni. A conclusione della sperimentazione è prevista la stesura e pubblicazione da parte di Indire, previa condivisione dei contenuti con la Scuola, di uno o più Rapporti di ricerca sui risultati della sperimentazione stessa.

La Scuola si è impegnata a:

-prendere parte alle attività di ricerca da svolgere nelle classi, secondo la programmazione stabilita con i ricercatori Indire;

-iscrivere una o più classi della scuola dell’infanzia e della scuola primaria ad un ambiente di lavoro online predisposto da Indire, all’interno del quale verranno dettagliate e documentate le attività da svolgere in classe.

-individuare le classi dell’infanzia e della primaria che parteciperanno al progetto di ricerca; il numero minimo previsto è una classe dell’infanzia e una della primaria;

-iscrivere gli insegnati delle suddette classi agli ambienti online, in particolare all’ambiente di lavoro Indire e al gruppo Facebook di supporto;

-studiare i documenti propedeutici alle attività e quelli relativi ai compiti suggeriti dai ricercatori Indire;

-svolgere in classe le attività assegnate, con l’ausilio dei programmi di disegno 3D e delle stampanti 3D, seguendo il calendario condiviso;

-documentare le attività in classe e lo svolgimento dei compiti da parte degli insegnanti e degli alunni e restituire la documentazione con le modalità indicate dai ricercatori Indire;

-produrre documentazione video e fotografica, finalizzata all’elaborazione dei report relativi allo svolgimento della ricerca;

-partecipare attivamente alla compilazione dei feedback e delle griglie di valutazione relative alla documentazione prodotta da docenti di altre scuole;

-partecipare a webinar e/o video conferenze (Skype, ecc.) per coordinare le attività, condividere le problematiche e le buone pratiche, animare la community di insegnanti e ricercatori;

-partecipare ad eventuali attività di monitoraggio poste in essere da Indire e/o dal MIUR sui temi della ricerca.

Il Piano Nazionale Scuola Digitale(PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) con cui è stata lanciata una nuova strategia complessiva di innovazione della scuola italiana finalizzata ad un riposizionamento del sistema educativo italiano nell’era digitale. E’ un’azione fondamentale della Legge 107/2015 che persegue l’innovazione del sistema scolastico e le opportunità dell’educazione digitale. Il Piano è strutturato su quattro nuclei fondamentali: strumenti, competenze e contenuti, formazione, accompagnamento.

Strumenti

Sono le condizioni che abilitano le opportunità della società dell’informazione e mettono le scuole nelle condizioni di praticarle (accesso, qualità degli spazi e degli ambienti di apprendimento, identità digitale e amministrazione digitale)

  • accesso: favorire l’accesso e la connessione attraverso fibra ottica, connettività e cablaggio interno delle scuole
  • spazi e ambienti di apprendimento: coniugare la crescente disponibilità di tecnologie a competenze abilitanti. Creare ambienti di apprendimento che facilitino apprendimenti attivi e laboratoriali. Sviluppare nuovi modelli di interazione didattica che utilizzino la tecnologia
  • amministrazione digitale: gestione dell’organizzazione scolastica e rafforzamento di servizi digitali innovativi sul territorio
  • identità digitale: dare un profilo digitale ad ogni persona della scuola

Competenze e contenuti

  • competenze degli studenti: rafforzare le competenze relative alla comprensione e alla produzione di contenuti complessi e articolati, anche all’interno dell’universo comunicativo digitale; potenziare l’alfabetizzazione informativa e digitale; valutare attentamente il ruolo dell’informazione e dei dati nello sviluppo di una società interconnessa basata sulle conoscenze e sull’informazione; costruire rapporti tra creatività digitale, impresa e mondo del lavoro; introdurre al pensiero logico e computazionale e familiarizzare con gli aspetti operativi delle tecnologie informatiche; portare ad essere utenti consapevoli di ambienti e strumenti digitali, ma anche produttori, creatori, progettisti. I docenti in questo processo sono facilitatori di percorsi didattici innovativi.
  • digitale, imprenditorialità e lavoro: sviluppo di competenze trasversali: problem solving, pensiero laterale e capacità di apprendere.
  • contenuti digitali: creare le giuste condizioni, sia tecniche che di accesso, per cui i contenuti digitali passino da eccezione a regola nella scuola; realizzazione di archivi digitali scolastici

Formazione del personale

Il PNSD prevede la realizzazione di un percorso di formazione pluriennale centrato sull’innovazione didattica, tenendo conto delle tecnologie digitali come sostegno per la realizzazione di nuovi paradigmi educativi e come mezzo per la progettazione operativa delle attività. L’obiettivo è quello di passare da una scuola della trasmissione a quella dell’apprendimento.

Accompagnamento

L’azione di accompagnamento secondo il PNSD si attua attraverso la nomina di un Animatore Digitale in ogni Istituto, la formazione interna, il coinvolgimento della comunità scolastica, la creazione di soluzioni innovative.

Animatore Digitale: l’Animatore Digitale è un docente che, insieme al Dirigente Scolastico e al Direttore Amministrativo, avrà il compito di coordinare la diffusione dell’innovazione digitale nell’ambito delle azioni previste dal POF triennale e le attività del Piano Nazionale Scuola Digitale.Individuato dal Dirigente Scolastico di ogni Istituto sarà fruitore di una formazione specifica affinché possa “favorire il processo di digitalizzazione delle scuole nonché diffondere le politiche legate all’innovazione didattica attraverso azioni di accompagnamento e di sostegno sul territorio del piano PNSD”.

Si tratta quindi di una figura di sistema e non di supporto tecnico (su quest’ultimo infatti il PNSD prevede un’azione finanziata a parte per la creazione di un Pronto Soccorso Tecnico, la #26, le cui modalità attuative devono ancora essere  dettagliate).

Il Miur chiede alla figura dell’Animatore Digitale di poter sviluppare progettualità sui seguenti ambiti (cfr. Azione #28 del PNSD):

Formazione interna: stimolare la formazione interna alla scuola sui temi del PNSD, attraverso l’organizzazione e la coordinazione di laboratori formativi  favorendo l’animazione e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative.

Coinvolgimento della comunità scolastica: favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di  attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche aprendo i momenti formativi alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa.

Creazione di soluzioni innovative: individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata, uso di software didattici, uso di applicazioni web per la didattica e la professione, pratica di una metodologia comune basata sulla condivisione via cloud, informazione su percorsi di innovazione e progetti esistenti in altre scuole e agenzie esterne).

Coerentemente con quanto previsto dal PNSD (azione #28), l’Animatore digitale dell’Istituto, individuato nella figura della docente Angela GATTI, ha presentato il proprio piano di intervento suddiviso nel triennio e inserito nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF).

Il team per l’innovazione digitale:

  • GATTI Angela (Animatore Digitale)
  • Balestra Maria Daniela (docente)
  • Fumarola Amelia (docente)
  • Saponaro Antonia (docente)
  • Simonetti Mjriam (ATA)
  • Caniglia Marta (ATA)
  • Candita Giuseppe (Assistente Tecnico)

       Azioni intraprese dalla scuola:

  • Partecipazione al bando PON n.9035 del 13/07/2015 – FESR – Realizzazione-ampliamento LAN-WLAN per il rifacimento della rete WiFi dei plessi Montessori e Bilotta. Bando finanziato per un importo di € 18.500,00.
  • Partecipazione al bando PON n.12810 del 15/10/2015 – FESR-  Realizzazione di ambienti digitali. Bando finanziato per un importo di € 22.000,00.
  • Partecipazione al bando PON n° 5403 del 16/03/2016 – Atelier Creativi e laboratori per le competenze chiave  – Avviso pubblico per la realizzazione da parte delle istituzioni scolastiche ed educative statali di atelier creativi e per le competenze chiave nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD). Bando finanziato per un importo di € 15.000,00. 
  • Nomina nel ruolo di Animatore Digitale: l’insegnante Angela Gatti
  • Attivazione da parte del docente Angela Gatti di un percorso di formazione di base aperto agli insegnanti dell’Istituto dal titolo “Il Caffe digitale
  • Creazione sul sito istituzionale della scuola di uno spazio dedicato al PNSD per informare sul piano e sulle iniziative della scuola (questa pagina)
  • Creazione e aggiornamento di una pagina dedicata al PON 2014-2020 sul sito della scuola
  • Creazione e aggiornamento di una pagina dedicata al al PNSD sul sito della scuola
  • Coinvolgimento di esperti esterni nei percorsi di formazione su Pensiero computazionale, stampa 3D
  • sostegno ai docenti nell’uso di strumenti informatici, sussidi didattici, software educativi e applicazioni web utili per la didattica e la professione
  • Ricognizione e mappatura delle attrezzature presenti nella scuola
  • coordinamento delle figure tecniche destinate alla manutenzione delle attrezzature della scuola
  • Regolamentazione dell’uso delle attrezzature della scuola
  • Redazione di un Progetto Triennale di Intervento dell’Animatore Digitale per il PTOF d’Istituto
  • Istituzione del team per l’innovazione digitale
  • Pubblicizzazione e condivisione delle finalità del PNSD con il corpo docente
  • Partecipazione alla formazione specifica per l’Animatore Digitale  eper il Team per l’Innovazione Digitale come previsto dalla legge
  • Partecipazione dell’A.D. a comunità di pratica in rete con altri animatori del territorio e con la rete nazionale
  • Progettazione, manutenzione e aggiornamento del sito istituzionale della scuola
  • messa in opera, attuazione e pubblicizzazione dei bandi PON finanziati
  • Predisposizione di un questionario informativo-valutativo sul rapporto docenti e digitale
  • Partecipazione a progetti INDIRE di ricerca-azione: Coding@scuola e Maker@scuola>
  • Partecipazione al progetto Clementoni-UNI La Sapienza “A scuola di coding con Sapentino DOC”.
  • Istituzione del dipartimento “Codingkids”
  • Artecipazione a concorsi indetti da “Programma il Futuro”
  • Partecipazione con merito allle CodeWeek EU
  • Partecipazione alla Settimana del Piano Nazionale per Scuola Digitale del MIUR
  • Partecipazione alla celebrazione dell’anniversario dall’istituzione del PNSD tenutosi a Caserta  nel novembre 2016
  • Partecipazione alla manifestazione “PNSD on the road” tenutosi nel dicembre 2016 a Vibo Valentia
  • Realizzazione e inaugurazione dell’Atelir creativo “Montessori Creativity Space
  • Partecipazione alle gare regionali e nazionali di robotica “RobocupJr”.

 

UN LUOGO, PER I BAMBINI DEL SECONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA FONTANA (BR), IN CUI LA CREATIVITÀ POSSA TROVARE SPAZIO FISICO E MENTALE.

Il Secondo Istituto Comprensivo di Francavilla Fontana (Br) conta più di 1450 studenti e comprende 4 plessi di scuola dell'infanzia, 2 di scuola primaria ed uno di scuola secondaria di primo grado. Il progetto è pensato dal dirigente e un gruppo di docenti della scuola dell’infanzia ed è sostenuto anche dai genitori che hanno manifestato subito entusiasmo per l'iniziativa di crowdfunding. Tutti insieme, docenti e genitori, puntano sull'innovazione digitale nella scuola. Con questo progetto si intende dotare la scuola di uno spazio alternativo dedicato all’apprendimento non formale e informale, uno spazio d'ispirazione montessoriana in cui i nostri alunni potranno attivare il piacere della scoperta, dare spazio alla manualità e alla loro creatività.

 Perchè un atelier creativo dedicato ai bambini?

La creatività è la forma più libera di auto-espressione. Non c'è nulla di più soddisfacente e appagante per i bambini che essere in grado di esprimersi apertamente e senza essere giudicati. La capacità di essere creativi, di creare qualcosa da sentimenti ed esperienze personali sostiene la salute emotiva dei bambini. La creatività favorisce anche la crescita mentale dei bambini, fornendo opportunità per sperimentare nuove idee e nuovi modi di pensare e di problem-solving.

La parola "creatività", nella nostra società è stata erroneamente limitata alla espressione artistica, ma comprende anche parti essenziali della vita di tutti i giorni. "Tutti noi abbiamo il potenziale creativo", afferma Mark Runco, "Il nostro impegno come genitori e insegnanti è quello di aiutare i bambini compierla".

La mission del "Montessori Creativity Space" sarà quella di far crescere la mentalità creativa dei nostri alunni finalizzandola al miglioramento delle loro abilità di base.

Dare spazio fisico e mentale alla creatività: il "Montessori Creativity Space" sarà uno spazio alternativo di apprendimento, decisamente più grande delle comuni aule scolastiche (ben 160 mq sono a disposizione per il suo allestimento), in grado quindi di accogliere una o più classi, gruppi classe (verticali o aperti), piccoli gruppi, ecc.

Lo spazio a disposizione, in orario curriculare, delle classi di scuola primaria e dell'infanzia dei plessi "M. Montessori" e "G. Calò", anche se non si esclude la possibilità di un suo utilizzo da parte degli alunni di scuola secondaria di primo grado il cui plesso dista circa 2000 m dalla sede prevista per l’atelier. La struttura potrà essere utilizzata anche in orario extra curriculare da gruppi di bambini, per svolgere progetti, e adulti (genitori, docenti Associazioni convenzionate) che ne chiederanno l'utilizzo. Si tratterà di uno spazio d'ispirazione montessoriana in cui imparare ad amare l’apprendimento, in ogni sua forma, attivare il piacere della scoperta, dare spazio alla manualità e alla creatività.

All'interno di questo ambiente saranno sistemati arredi e tecnologie (già in possesso dell'istituto o di nuova acquisizione) per la fruizione individuale e collettiva in attività di teamwork (lavoro di squadra) e coworking (condivisione di un ambiente di lavoro e di risorse con approccio collaborativo) e che permetteranno anche una continua rimodulazione dello spazio e delle attività. Lo spazio verrà utilizzato per sviluppare metodologie innovative di rappresentazione della conoscenza, per collegare creatività e pensiero formale, il tinkering (attività di costruzione che valorizza la creatività, l'indagine e l'esplorazione), come metodo informale, al metodo scientifico.

All'interno di questo co-making space, bambini e docenti svolgeranno attività unplugged, attraverso l’utilizzo di supporti analogici, o mediate da supporti digitali e robotici. Al suo interno sarà previsto anche uno spazio FabLab in cui bambini e adulti (in convenzione se estranei alla scuola) potranno imparare ad interfacciare le tecnologie digitali con la realtà fisica, fare esperienze di disegno 3D e prototipazione grazie alla presenza di Laser Cutter, Stampanti 3D e Scanner 3D. Uno spazio innovativo e modulare, quindi, dove far incontrare manualità, artigianato, creatività e tecnologie. Un luogo in cui fantasia e fare si incontreranno, coniugando tradizione e futuro, costruendo apprendimenti trasversali attorno a robotica ed elettronica educativa, logica e pensiero computazionale, artefatti manuali e digitali, serious play e storytelling.

I fondi (che saranno raccolti) serviranno per :

1) Pitturazione/sistemazione delle pareti utilizzando colori che possano favorire il benessere psicofisico e le motivazioni degli studenti e rendere l’ambiente emotivamente e psicologicamente stimolante. Sulle pareti saranno realizzati anche dei graffiti.

2) Acquisto di arredi:

a) tavoli in legno modulari e in relazione tra loro, dal design accattivante, diversamente colorati in grado di disegnare un ambiente di apprendimento flessibile;

b) tavoli rettangolari, in legno da utilizzare a parete come superfici d’appoggio delle attrezzature acquistate;

c) Sedute costituite da sedie confortevoli e colorate e pouf dalle forme rotonde, quadrate o rettangolari possibilmente modulari;

d) Sgabelli;

e) Cuscini colorati dalle fodere lavabili;

f)Tappeti lavabili e colorati;

g) Armadi in legno con ante colorate;

h) Lampade d'ambiente.

 

3) Acquisto di Attrezzature e materiale:

a) Lavagna interattiva mobile con videoproiettore;

b ) Stamante 3D;

c) Laser cut e vinil cutter;

d) Kit di apparati mediatori a matrice robotica;

e) Scanner 3D fisso e mobile;

f) Notebook e PC;

g) Materiale di facile consumo (carta, matite, colori, argilla, filamenti in PLA ecc.).

miurusr pugliaamnbito territorialenoipa

Codici iscrizione : Primaria plesso "M.Montessori" BREE83201B - Primaria plesso "Sant'Orsola" BREE83202C - Secondaria plesso "V.Bilotta" BRMM83201A

Secondo Istituto Comprensivo Francavilla Fontana

Uffici Plesso "M. Montessori" : Tel. +39 0831.841958

Uffici Plesso " V. Bilotta" : Tel. +39 0831.841608


Codice Fiscale : 91071290745  

Cod.Unico Fatturazione Elettronica : UF3C4U

mail bric832009@istruzione.it P.E.C. bric832009@pec.istruzione.it 

Responsabile Proc. Pubblicazione : Prof.ssa Fumarola Amelia

Responsabile Prot. dei Dati : Dott.ssa Roberta Rizzi

40parallelo logoSito realizzato con la consulenza dell' Associazione Culturale "40° Parallelo" di Latiano (BR) e dal gruppo di insegnanti nominati redazione tecnica del 2° Istituto comprensivo ( Gestori Operativi di Pubblicazione  ed RPP ) di Francavilla Fontana (BR).  Questo è un sito scolastico (Istituto Comprensivo ) no-profit, non viene finanziato da nessuno e non viene aggiornato con periodicità regolare, ma in relazione alla disponibilità della redazione.

 

 Privacy Policy  | Note Legali |  Credits Accessibilità | Mappa del sito